Vernici all’acqua su porte tagliafuoco

meverinLa compartimentazione tagliafuoco è, senza ombra di dubbio, un prodotto tecnico di particolare importanza, insieme ad altri prodotti e tecnologie facenti parte la protezione passiva e attiva antincendio, svolge un mestiere primario a tutela della vita umana e delle attività impedendo e/o limitando la propagazione di un evento devastante quale è l’incendio. Il settore della prevenzione incendi è un campo in continua evoluzione. Grazie anche al susseguirsi delle più recenti normative che negli anni sono diventate sempre più stringenti, i produttori che operano nel settore si spingono in una continua e assidua ricerca per offrire al mercato nuovi prodotti e nuove soluzioni tecniche affinché la prevenzione e la protezione siano assolutamente garantite. L’installazione di porte e compartizioni tagliafuoco, prevista dalla legge per i locali adibiti a pubblico utilizzo e per le attività, ha una grande diffusione nonostante che in questi anni il suo mercato abbia risentito degli effetti della profonda crisi in cui versa l’Italia e il mercato delle costruzioni. La qualità e l’affidabilità delle compartizioni tagliafuoco Made in Italy sono ampiamente riconosciute a livello internazionale tanto che con la situazione ancora “stagnate” del nostro mercato interno, oggi l’export rappresenta il principale mercato di sbocco per la maggior parte delle aziende che operano nel settore. Tra i principali operatori italiani del settore tagliafuoco, c’è Meverin Srl, azienda di Mezzani, in provincia di Parma, specializzata nella progettazione e nella produzione su misura di chiusure tagliafuoco di grandi dimensioni e speciali in genere. La sua attività, definita come sartoriale in termini di dimensioni del manufatto e in termini di fi nitura, risponde alle richieste del mercato andando a personalizzare, sempre nel rispetto della normativa vigente, l’aspetto estetico del prodotto a seconda delle più svariate richieste della clientela. Questo è un aspetto molto apprezzato sia sul mercato nazionale sia su quello internazionale. Infatti, sebbene alle compartizioni tagliafuoco si chieda prima di tutto la rispondenza a un complesso e intricato sistema normativo cui devono sottostare per qualità, resistenza e durata, Meverin punta a rinnovare e nobilitare l’aspetto estetico di un elemento tecnico considerato erroneamente affine al solo mercato di tipo industriale «Le nostre compartizioni tagliafuoco – spiega Antonella Maffei, responsabile della linea di verniciatura presso l’azienda di famiglia – vengono collocate nelle scuole, negli ospedali, nei centri logistici, nei parcheggi sotterranei e fuori-terra, negli insediamenti industriali e civili dove la seconsicurezza è fondamentale e quindi prioritaria, ma sono altresì installate in luoghi ad alta densità di pubblico come teatri, cinema, alberghi, centri commerciali e negli showroom di grandi marchi dove al design e all’estetica si chiede di dare un valore aggiunto ». Un altro motivo ha portato Meverin a puntare sulla personalizzazione e sulla realizzazione di compartizioni tagliafuoco idonee non solo dal punto di vista funzionale, ma anche armonicamente piacevoli: la volontà di dare un contributo alla salvaguardia dei luoghi della cultura. Infatti i suoi prodotti sono installati in numerosi musei, gallerie d’arte, biblioteche, pinacoteche, teatri, auditorium… « L’Italia – sottolinea Antonella Maffei – secondo gli studiosi dell’arte detiene un patrimonio storico-artistico che rappresenta circa il 70-75% dell’intero patrimonio mondiale. La nostra azienda propone pro-dotti studiati ad hoc per essere inseriti in pregiati ambienti di alto livello storico, senza imporre un impatto visivo qualitativamente scadente, adattando i propri prodotti con finiture di pregio. Realizziamo quindi soluzioni su misura adattando la porta all’architettura dell’edificio affinché non sia necessario intervenire con inutili opere murarie su un immobile vincolato dalla soprintendenza. Pur avendo delle tinte standard, con un sistema tintometrico di precisione abbiamo la possibilità di realizzare qualsiasi tinta nella gamma RAL e NCS, metallizzati compresi, fino ad arrivare a una vera e propria stampa tipografi ca con effetti stucco, marmo… per dare al cliente la possibilità di inserire la porta in contesti delicati come palazzi d’epoca, musei e teatri».

Leggi l’articolo sulla rivista

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here