Un anno di contenuti vivaci e di attualità, con un pizzico d’audacia

L’anno in cui abbiamo iniziato questa nuova esperienza parlando di passaggio, è trascorso rapidamente. Un anno che già dall’inizio non si preannunciava semplice per la crisi economica. Dopo questo periodo non sembra che l’economia reale del Vecchio Continente e del nostro Paese abbiano subito una svolta  decisiva, un passaggio, verso una crescita conclamata. Anzi. Si apprende in questi giorni che il Fondo Monetario Internazionale  taglia le stime di crescita dell’Italia con un PIL atteso in calo dell’1%, sotto le previsioni di ottobre.

Così quello di Eurolandia che assume un segno negativo (-0,2%); anchela Germania, di cui abbiamo accennato più volte nei precedenti numeri sembra rallentare. La crescita? Nel 2014, forse. Nonostante questo quadro di crisi, di passaggio, rileviamo che la testata Trattamenti e Finiture, così come molte altre preziose testate di Tecniche Nuove, riscuote un costante interesse,  a dimostrazione del fatto che il lavoro di uno staff affiatato, creativo e dinamico permette di solcare le acque della tempesta e completare, non solo indenni ma anche rafforzati, periodi a lungo difficili. Dopo un anno di ininterrotto e proficuo lavoro con la redazione e con il  Comitato Tecnico Scientifico mi sento in dovere di ringraziare tutti i collaboratori, gli esperti scientifici, tecnici del mondo accademico e dell’industria che hanno saputo interpretare in modo corretto lo spirito della rivista, che vuole mantenere un livello di qualità e rigore scientifico riconosciuto ma allo stesso tempo l’accessibilità e la fruibilità delle informazioni a chi fa della tecnologia lo strumento quotidiano per generare valore e competitività.

Un grazie ancora più grande va alle imprese che continuano ad essere imprese in questo momento in cui nulla è scontato e che credono nella rivista facendone uno strumento vivo di informazione e lavoro, spesso un luogo di contatto e di confronto tecnico sulle nuove soluzioni, sulle opportunità; uno luogo che attraverso il digitale si spinge anche oltre il tempo ed il luogo della carta stampata per raggiungere, per essere accessibile, utile. In un anno in cui lo spirito di innovazione non è mancato abbiamo spaziato dai temi di punta della galvanica agli aspetti normativi e di sicurezza sul lavoro, dai risultati della ricerca applicata sui trattamenti meccanici alla verniciatura eco-sostenibile, dai temi specifici di trattamento a quelli della caratterizzazione superficiale, dai temi delle nanotecnologie applicate all’industria ai futuri strumenti di finanziamento per la ricerca in Europa…

Nel 2013 la rivista manterrà questo livello di vivacità intellettuale grazie ad un Comitato Tecnico Scientifico propositivo su temi di estrema attualità, fornendo anche occasioni di approfondimento ed aggiornamento sulla caratterizzazione e sul trattamento delle superfici grazie agli interventi mirati degli esperti. Mantenendo fede allo spirito di innovazione non ci opporremo a guizzi di audacia nel visitare argomenti sui trattamenti non convenzionali, sulla sintesi di materiali compositi in cui il ruolo delle superfici e delle interfasi (micro e nano) è di primaria importanza. Con interesse all’attualità è nostra intenzione portare all’attenzione dei lettori gli eventi di rilevo con uno sguardo anche fuori dai confini nazionali e proponendo a Trattamenti e Finiture di farsi mezzo per accedere ad orizzonti e mercati nuovi. Allora un buon 2013 con Trattamenti e Finiture!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here