Perché l’economia circolare e le nanotecnologie sono utili al business?

Intervista a Stefania Truffa e Massimo Perucca di Project 360-Hub, coordinatori della “Piazza dei Materiali e Nanotecnologie”, che rispondono ad alcune domande di avvicinamento a Technology Hub (Milano, 17 /19 maggio 2018)

FOCUS ECONOMIA CIRCOLARE

Perché l’economia circolare è utile al business?

L’economia circolare propone un modello di sviluppo completamente nuovo, con ricadute positive anche sui bilanci delle singole aziende. Tra le conseguenze più evidenti dell’economia circolare sul business, vi è un netto taglio agli sprechi dovuto ad una migliore efficienza energetica, idrica, un uso più responsabile delle materie prime e la valorizzazione degli scarti.

Riuso, riciclo e recupero sono le parole chiave intorno alle quali costruire un nuovo paradigma di sostenibilità, innovazione e competitività, in uno scenario in cui i rifiuti si trasformano in risorsa. L’economia circolare può generare un beneficio economico importante e creare nuovi posti di lavoro oltre ad incrementare esponenzialmente la produttività delle stesse risorse utilizzate oggi.

-Quali sono i settori in cui avrà maggiori applicazioni?

In futuro i modelli di business basati sull’economia circolare saranno sempre più presenti in tutti i settori industriali. Il modello di circolarità sta assumendo una grande importanza nel settore del packaging dove l’imballo a fine vita viene recuperato per essere trasformato in materia prima seconda. In particolare gli imballaggi di plastica sono al centro di un piano di azione europeo e globale che identifica tre linee di intervento basate su: riprogettazione, riuso e riciclo.

-Raccontaci qualche case history interessante nel mondo B2B

Nel mercato B2B l’imballaggio riutilizzabile in plastica rigida sotto forma di pallet, casse, cassette con sponde fisse o abbattibili, bidoni, ecc. è già una realtà, anche se esistono spazi significativi di crescita. Gli acquisti online costituiscono uno dei fenomeni determinanti un aumento nella produzione di packaging secondari, che normalmente finiscono per aumentare la quantità di rifiuti urbani. Con questo scopo nasce Repack, un progetto lanciato nel 2011 da una start up finlandese che mette a disposizione delle aziende di e-commerce associate una gamma di imballaggi riutilizzabili personalizzati.

-Quali saranno i contenuti e le attività della Piazza da te coordinata?

Nell’economia circolare si distinguono due tipi di materiali, quelli di origine naturale (bio-based materials), e quelli tecnologici, derivanti dalla tecnosfera.

Il termine “circolare” indica la ciclicità dei flussi, in cui si prevede estrazione, produzione, utilizzo, riuso e riciclo dei materiali, promuovendo il prolungamento del ciclo di vita dei prodotti e delle risorse.

L’intervista completa è disponibile qui:

http://www.technologyhub.it/it/economia-circolare-opportunita-di-business/

FOCUS NANOTECNOLOGIE

-Perché le nanotecnologie sono utili al business?                                                            Le nanotecnologie sono utili al business in qualità di soluzione abilitante per conferire ai materiali e alle superfici livelli prestazionali superiori, allo sviluppo di nuovi dispositivi miniaturizzati e prodotti multi e iper-funzionali. Nanotecnologie significa innovazione, competitività, ed elevato potenziale di ritorno economico.

– Quali sono i settori in cui avranno maggiori applicazioni? 

Poiché le nanotecnologie insistono in particolare sui nuovi materiali, sui materiali nano-compositi, sulle superfici rivestite o trattate con schemi di patterning specifici, esse hanno applicazioni virtualmente in tutto il contesto della tecno-sfera, dei processi di trasformazione e della produzione industriale. I settori in cui si trovano applicazioni interessanti sono Tessile, Edilizia, Elettronica, Beni di consumo, Trasporti, Beni culturali, Medicale.

– Raccontaci qualche case history interessante nel mondo B2B

Sono molti i casi di successo industriale di prodotti nanotecnologici commercializzati. Focalizziamo l’attenzione su un composto nano fra tutti: il biossido di titanio. La nano-titania è un componente nano presente in diversi prodotti e manufatti: dal cemento e le malte fotocatalitiche, alle vernici ed inchiostri fotocatalitici, alle superfici di manufatti e beni culturali posti all’aperto, alla pasta per dentifricio con effetto antibatterico e sbancante, ai cibi, nei prodotti cosmetici come addensante e nelle creme solari per le sue proprietà fotoattive e di barriera agli UV, e ancora nel settore energetico per le celle solari impiegate come nanocristalli…

Quali saranno i contenuti e le attività della Piazza da te coordinata?            Le nanotecnologie rappresentano un’importante opportunità di innovazione tecnologica e di crescita economica. A Technology Hub si presenteranno le soluzioni nanotecnologiche che si possono ritrovare nei beni di consumo, nell’elettronica flessibile, nei materiali e prodotti di utilizzo quotidiano.

L’intervista completa è disponibile qui:

http://www.technologyhub.it/it/come-fare-business-con-le-nanotecnologie/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here