Lavaggio industriale

Mecwash ha iniziato ad utilizzare l’alta pressione in uno stabilimento di camion in India

L’azienda inglese MecWash, specializzata in macchinari per il lavaggio industriale, ha prodotto per un’importante azienda produttrice di camion in India due unità per il lavaggio industriale costruite su misura: è la prima volta che MecWash costruisce macchine che usano anche  il lavaggio ad alta pressione / bassa portata come modalità di pulizia.

La prima macchina, dedicata alla pulizia delle teste dei cilindri, è già operativa.

La seconda e più grande macchina, utilizzata nel lavaggio dei blocchi  motori, è stata consegnata nel mese di luglio 2013. Ciascuna macchina incorpora un sistema ad alta pressione alimentato da una pompa Hydra-Cell di Wanner che veicola acqua e detergente ad 80° C a una pressione di 40 bar.

La produzione di queste nuove macchine è stata un cambiamento radicale, in risposta a ciò che un ingegnere di progetto ha definito una doppia sfida:

“ Probabilmente il nostro compito più difficile fino ad ora, abbinato alla richiesta di pulizia più impegnativa ed esigente che ci è mai stata richiesta di soddisfare.”

L’azienda produce sistemi che puliscono, sgrassano e rimuovono lo sfrido da piccoli e grandi componenti dopo le lavorazioni meccaniche. MecWash offre da 20 anni soluzioni soddisfacenti per singoli clienti nel mercato globale. Di solito ciascuna unità è costruita su misura non solo per venire incontro alle esigenze di pulitura e asciugatura ma anche per assicurarsi che l’unità si integri facilmente nel processo di produzione del cliente.

MecWash non utilizza solventi nei suoi sistemi di pulizia e preferisce l’utilizzo di  soluzioni rispettose dell’ambiente, a base di acqua e detergenti. L’azienda non ha mai utilizzato in precedenza l’alta pressione, neanche per la pulizia di passaggi stretti come quelli del circuito di distribuzione dell’olio e dei carburanti. I sistemi di MecWash si affidano sull’effetto a pioggia di grandi volumi di soluzioni detergenti, pompati e spruzzati a bassa pressione.

Requisiti simili, sebbene in casi eccezionali, vengono applicati per la pulizia delle teste dei cilindri e dei blocchi  motore costruiti dall’azienda produttrice di autocarri in India. Le dimensioni e la complessità di questi componenti dei motori dei camion, insieme alla quantità di sfrido da eliminare, hanno però sollecitato MecWash a rivedere le sue usuali soluzioni.

Con passaggi interni lunghi fino  a  1,5 m. e sfridi intorno a 500 gr. da rimuovere in ciascun blocco  motore, non era efficace  affidarsi a getti o a spruzzatura a bassa pressione. Fori lunghi e stretti necessitano di erogazione ad alta pressione.

Per pompare la soluzione liquida per la pulizia alla pressione richiesta di 40 bar, MecWash ha scelto la pompa Hydra-Cell di Wanner; un tipo di pompa conosciuta per il successo ottenuto in applicazioni simili. In comune con altre pompe a pistone e altri tipi di pompe volumetriche, poteva operare ininterrottamente ad alte pressioni, 70 bar ed oltre. Tuttavia, il suo design insolito, senza tenute meccaniche, elimina il problema dell’usura della tenuta che rappresenta il punto critico per l’affidabilità delle pompe con tenuta meccanica se installate su sistemi in funzione 24 ore al giorno per lunghi periodi.

L’acqua non lubrifica bene le guarnizioni e la minaccia d’usura aumenta con la pressione e la temperatura del liquido.  Senza manutenzione regolare e la sostituzione immediata della guarnizione si verifica come conseguenza implicita la riduzione delle prestazioni operative, potenzialmente più serie dei costi di riparazione. Libera da queste limitazioni, la pompa Hydra-Cell offre altri vantaggi pratici in questa applicazione.

La struttura della pompa è semplice e compatta, riducendo l’ingombro e il costo delle parti di ricambio. La manutenzione è minima. Le pompe sono efficienti dal punta di vista energetico. Possono operare a secco senza danni  come in presenza di un filtro bloccato o di altri problemi all’aspirazione.

Con tre membrane idraulicamente bilanciate contenute in una singola testata pompante, il liquido viene pompato “dolcemente”, senza sforzo a prescindere dalla pressione di mandata.

Le membrane separano anche le parti bagnate dal liquido pompato dalla parte meccanismi che è lubrificata in bagno d’olio. Ciò permette di gestire liquidi non lubricanti (e anche abrasivi solidi, sebbene MecWash filtri con attenzione i suoi impianti ad acqua). MecWash ha adottato un approccio a due moduli nel progetto degli impianti destinati all’India. Le macchine per la pulizia delle testate dei cilindri e dei blocchi motore sono identici sia nella concezione che nella fase operativa.

Ciascun impianto ha un modulo per la pulizia ad alta pressione dei circuiti interni dell’olio e del carburante e un secondo modulo per il lavaggio a bassa pressione, il risciacquo e l’asciugatura. I cicli di alta e bassa pressione impiegano 6 minuti ciascuno ma sono operativi simultaneamente e di conseguenza un nuovo blocco viene pulito, lavato e asciugato accuratamente ogni 8 minuti, tenendo presente che ci vogliono due minuti per il carico e il trasferimento.

La pulizia nel primo modulo viene effettuata tramite lunghe lance a spruzzo, retrattili, che si muovono all’interno dei circuiti dell’olio e del carburante dove spruzzano ad alta pressione e distanza ravvicinata la soluzione detergente.

Tutto è pianificato e posizionato per ottenere la massima efficacia, la precisa individuazione delle parti da pulire e la rimozione efficiente dello sfrido. Nel secondo modulo del blocco,  che ruota in un’attrezzatura, viene effettuato un ciclo intensivo di 6 minuti di pulizia generale che include il lavaggio, il getto a pioggia, lo scarico, il risciacquo a spruzzatura, un’altra fase di scarico, l’asciugatura ad aria calda e l’asciugatura sotto vuoto.

Tutta l’acqua usata viene riciclata, filtrata fino a 30 micron (lavaggio) o 10 micron (risciacquo) e riutilizzata.

L’operazione di pompaggio è effettuata con pompe centrifughe a bassa pressione e alta portata e con pompe Hydra-Cell (modello G25 nella macchina dedicata alla lavaggio delle testate a cilindro, modello G35 nella macchina per il lavaggio del blocco motore).

La pompa centrifuga ha un motore da 18.5kW, opera con pressioni tra 1-5 bar e trasporta 1500 l/min.

La pompa G35, ha un motore da 11kW, lavora con una pressione di 40 bar e  con una portata di 125  l/min.

Avendo completato i test di pre-consegna nel Regno Unito, l’installazione della macchina è stata programmata in un sito in India sotto la supervisione della squadra per la messa in opera di MecWash. Un sostegno di specialisti in pompe è disponibile anche dal partner Hydra Cell di lunga data di Wanner in India, Machinomatic Engineers.

Per le vendite e il supporto tecnico delle pompe Hydra-Cell in Italia contattare la società Asco Pompe Srl.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here