L’auto ecologica è stata chiamata “Lina”, con riferimento alla fibra di lino con la quale è realizzata la sua carrozzeria. Per i pannelli è stata utilizzata una plastica biodegradabile ricavata dalle barbabietole da zucchero. Il risultato è un veicolo estremamente leggero ed ecologico al 100%, sia in fase di realizzazione (rispetto ad altri materiali richiede meno energia per essere assemblata) che di smaltimento.

Progettata da un gruppo di studenti olandesi – ribattezzatosi TU/Ecomotive – della Eindhoven University of Technology, oltre a richiedere meno energia per essere prodotta rispetto alle automobili costruite impiegando allumino e fibra di carbonio, con un ulteriore vantaggio a livello di sostenibilità ambientale, il prototipo incorpora una tecnologia wireless nelle portiere in grado di riconoscere il guidatore: funzione, questa, rende la vettura potenzialmente adatta all’impiego nei servizi di car sharing.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here