Il futuro delle nanotecnologie applicato al metal pre-treatment

_DSC0009_184342_web_425H_425WFin dagli anni ’90, le industrie di tutto il mondo nel trattamento per la preparazione per la verniciatura dei metalli utilizzavano le conversioni superficiali tradizionali, quali ferro-fosfatazione e zinco-fosfatazione, e nessuno pensava a crisi energetiche o economiche che potessero richiedere trattamenti concettualmente diversi. Henkel, invece, già leader di mercato nel mondo della conversione, ha investito costantemente nella ricerca e nella sperimentazione, portando sul mercato già nei primi anni 2000 la capostipite di tutte le nanotecnologie nel mondo del pretrattamento: BONDERITE NT, il primo pre-trattamento nanoceramico Multi-metal in sostituzione della ferro-fosfatazione.
Henkel, nella costante consapevolezza che ricerca e innovazione sono di fondamentale importanza per un futuro sostenibile, ha continuato a testare cicli e prodotti per la conversione chimica a base di nanotecnologie, le quali, in linea con le politiche europee sulla tutela ambientale, presentano indubbi vantaggi energetici ed ecologici rispetto alle tradizionali tecnologie per il pre-trattamento.

Dopo BONDERITE NT è stata formulata TecTalis, la nano-conversione sostitutiva della zinco-fosfatazione, sviluppata appositamente per il mondo dell’elettrodomestico, da sempre molto ricettivo a ogni risparmio visti i grandi numeri coinvolti. Notevoli risparmi energetici e di manutenzione accompagnati da aspetti ecosostenibili hanno permesso alla tecnologia TecTalis di ottenere, nel 2010, il premio Product Stewardship per l’innovazione da  FederChimica, oltre a ricevere decine di altri riconoscimenti a livello europeo e mondiale.
La famiglia dei prodotti per il pre-trattamento dei metalli è ora completa grazie a BONDERITE CC, che introduce le nanotecnologie nel mondo del fosfosgrassaggio, ambiente tradizionalmente poco propenso al cambiamento e alle novità. BONDERITE CC è un prodotto fortemente voluto dal team Henkel Italia per poter aprire le porte delle nanotecnologie al tessuto imprenditoriale italiano e renderlo così competitivo (in termini di performance richieste e di costi) con le realtà estere che operano nella preverniciatura offrendo nanotecnologia su molti dei loro manufatti.
BONDERITE CC è flessibile, poiché si adatta alle linee di fosfosgrassaggio esistenti negli impianti a tre o quattro stadi, ed efficiente: a fronte di un impegno gestionale leggermente più gravoso, ma per questo qualitativamente migliore (il dosaggio del prodotto non va fatto una tantum al mattino, come con i fosfosgrassanti, ma la stessa quantità andrà diluita nell’arco dell’intera giornata, attraverso gli strumenti di dosaggio e controllo automatizzato, che Henkel fornisce contestualmente per garantire ottimi risultati in ogni momento della produzione), è possibile lavorare con acqua di rete ed ottenere sia performance superiori, sia risparmi economici sui costi di manutenzione e di smaltimento.
Il trattamento nanotecnologico, infatti, consente innanzitutto di diminuire significativamente la formazione di fanghi, diminuendo il tempo di lavaggio delle vasche e la quantità di incrostazioni, che sono causa di blocchi agli scambiatori che rendono necessaria la sostituzione di rampe e ugelli; inoltre, incrementa le caratteristiche meccaniche e di resistenza alla corrosione del manufatto verniciato. Notevoli anche i vantaggi ambientali: dato che il livello di fosforo è 100 volte ridotto rispetto al tradizionale fosfato di ferro e sono assenti metalli pesanti tossici e/o cancerogeni (come nichel, zinco o molibdeno), il trattamento delle acque reflue risulta semplificato e le emissioni di rifiuti chimici e di sostanze pericolose sono significativamente ridotte.

Fino a ieri, in Italia, si offriva solo ferro-fosfatazione; con Henkel e BONDERITE CC, è arrivato il futuro delle nanotecnologie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here