I pacchi filtranti per i cambiafiltri BKG® conservano l’integrità strutturale

I nuovi pacchi filtranti per i cambiafiltri BKG® di Nordson resistono efficacemente alle pressioni di estrusione, consentendo di ot01tenere la massima capacità di filtrazione ed il flusso ottimale del polimero fuso e garantendo al tempo stesso una maggiore durata di funzionamento ed una maggiore affidabilità rispetto ai pacchi filtranti di fascia bassa presenti sul mercato.

Uno degli elementi più importanti ai fini del miglioramento delle prestazioni dei nuovi pacchi filtranti è la robusta struttura multistrato, che evita i problemi legati alla pressione differenziale – fino a 200 bar – presenti durante la filtrazione. Uno dei problemi più tipici in questo senso è il cosiddetto “avvallamento del filtro”, che si produce quando le sollecitazioni meccaniche spingono gli strati del filtro nei fori della piastra di supporto nella cavità del filtro. In questo modo il filtro viene deformato, con conseguente rottura della tenuta perimetrale che lascia penetrare i contaminanti direttamente nel prodotto finale bypassando il filtro.

Nordson adatta precisamente le dimensioni del pacco filtrante a quelle della cavità, eliminando il consueto problema del passaggio dei contaminanti alla periferia del pacco filtrante. Inoltre tutti i componenti del pacco filtrante vengono puliti con gli ultrasuoni durante la produzione per eliminare la contaminazione provocata dall’olio e dai grassi utilizzati nel processo di tessitura.

“La nuova concezione dei pacchi filtranti Nordson mantiene l’integrità strutturale filtrando efficacemente i contaminanti e garantendo la permeabilità ottimale del polimero fuso – ha dichiarato Christian Schroeder, responsabile globale del prodotto per i sistemi di dosaggio del polimero fuso, che ha così proseguito – e grazie a ciò i nostri pacchi filtranti hanno un rendimento maggiore fra le sostituzioni rispetto alle alternative a basso costo, con conseguente aumento di produttività della linea di estrusione e della redditività”.

A seconda delle esigenze dei clienti, Nordson fornisce pacchi filtranti con diverse combinazioni di strati. Una delle strutture più comuni, ad esempio, è quella a quattro strati, tra cui due strati di tessuto a maglia quadra per particelle grossolane, che fungono da componenti esterni, ed uno strato interno di tessuto a maglia quadra più fine. Questa soluzione svolge funzioni di supporto e di drenaggio e consente di resistere alle forti sollecitazioni di trazione. Il quarto strato è costituito da una maglia intessuta in filo olandese ottimizzata che funge da componente per la filtrazione fine. Le piccole dimensioni geometriche dei pori dello strato intessuto in filo olandese garantiscono un’elevata permeabilità. La filtrazione avviene trasversalmente rispetto alla direzione di flusso del polimero fuso, il che consente di separare in modo efficace le particelle sporche dal polimero fuso.

“Uno degli elementi fondamentali dell’efficacia della filtrazione è la permeabilità – ha dichiarato Stefan Woestmann, ingegnere delle applicazioni, che ha aggiunto – e i pacchi filtranti Nordson dispongono del rapporto ottimale tra materiale solido e volume libero, per cui il polimero fuso può seguire il maggior numero di percorsi possibili per attraversare l’elemento filtrante. Nei processi in cui vengono utilizzati filtri di fascia bassa, che non sono altrettanto ottimizzati in funzione del flusso, il polimero fuso si accumula e provoca un significativo aumento della pressione, che a sua volta comporta sostituzioni del filtro premature e costose, mettendo a rischio la qualità del prodotto finale. Se il flusso del polimero non è uniforme, non lo può essere neppure il prodotto finito”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here